Questo sito richiede di avere JavaScript abilitato.
Home Economia e FinanzaCome aprire un Franchising
Come aprire un Franchising

Come aprire un Franchising

Dal momento in cui deciderai di aprire il tuo franchising dovrai comprendere anche tutti quegli aspetti che ne gravitano attorno, scoprire magari alcune terminologie specifiche e dare il meglio affinché la tua idea possa finalmente decollare.

Andiamo quindi per gradi, oggi parleremo della Royalty; non è un termine italiano, ma può essere analizzato più da vicino senza problemi e rappresenta un elemnto chiave relativo al costo che l’affiliato dovrà sostenere, il tutto tenendo sempre conto di un determinato contratto commerciale.

Nello Specifico:

Prendiamo la nostra nuova attività, questa nel tempo ci permetterà di ottenere un fatturato, bene, la royalty non è altro che una somma calcolata sulla percentuale di quello che effettivamente si fattura, oppure in altri casi potrebbe essere rappresentata da una quota fissa, già decisa in partenza.

L’affiliato ne deve tener conto, quindi è suo obbligo versarne il corrispettivo, insomma, si tratta di una percentuale importante che andrà a coprire alcuni aspetti chiave, tra cui solitamente:

  • Assistenza;
  • Formazione;
  • Supporto tecnico;
  • Supporto commerciale;
  • Supporto gestionale;
  • Supporto amministrativo.

Ovviamente poi a questi si aggiungono molto spesso anche altri aspetti, basti pensare ai servizi promozionali, alla pubblicità stessa, ed i materiali fondamentali per un piano di comunicazione efficace; tali servizi variano da azienda ad azienda, quindi non sempre è così, ma nella maggiorparte dei casi si, compresi anche i corsi di formazione e quelli di aggiornamento.

Come si fa a sapere se un Franchising con determinate royalties conviene oppure no?

Beh così da subito è praticamente impossibile stabilirlo, bisogna quindi procedere per gradi, infatti ancor prima di avviare un’attività in franchising dovrai comprendere quali sono i costi previsti, tra i quali il più delle volte si vanno ad includere sia le fee d’ingresso che le royalty.

Per comprendere quale sarà la scelta migliore bisogna entrare nell’ottica che le royalties variano da franchising a franchising, il che significa che si deve tener conto dell’importanza del brand ad esempio, così come anche del format che verrà proposto e perchè no, anche dello stesso valore economico appartenente all’azienda stessa.

Le royalties rappresentano anche un punto di forza, perchè permettono al franchisee di essere seguito, aiutato giorno dopo giorno dall’azienda madre a sviluppare un business vincente, mentre il franchisor potrà accumulare queste somme di denaro per effettuare nuovi investimenti, così da fornire nuovi materiali ad ogni affiliato, oppure espandere la rete attuale, puntando magari anche ad integrare una corretta strategia di marketing online, ed offline.

Tutti i Franchising prevedono quindi le cosiddette royalties?

Beh assolutamente no, esistono fortunatamente alcune realtà che per venire ancor più incontro ai nuovi imprenditori decidono di offrire soluzioni prive di royalties o spese di altro genere.

Ovviamente esistono come sempre pro e contro, infatti, tra gli aspetti negativi ci potrebbe essere un’assistenza decisamente più ridotta, ma pur sempre professionale, bisognerà quindi adeguarsi e cercare sempre di migliorarsi restando al passo con le ultime novità di settore.

Se dovessimo parlare di Franchising senza royalty possiamo tranquillamente consigliare alcune soluzioni che gravitano attorno al mondo dell’abbigliamento, così come anche del food specializzato, quindi dai un’occhiata alla nostra sezione, troverai sicuramente qualche bella novità!

Non tutti i franchisor prevedono royalties, valuta per bene la realtà su cui investire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *