Home NewsNeopatentati alla guida: limiti e regole da seguire
Neopatentati alla guida: limiti e regole da seguire

Neopatentati alla guida: limiti e regole da seguire

Le normative attualmente in vigore in materia di sicurezza su strada sono, allo stato attuale, sempre più chiare e severe nei confronti dei neopatentati, stabilendo limiti e regole di varia natura che, per evitare di incorrere in pesanti sanzioni, è necessario conoscere e quindi rispettare.

Ormai da qualche anno infatti, abbiamo assistito alla commercializzazione di nuove auto per neopatentati come categoria a sé stante che, seguendo proprio le disposizioni dettate dalla legge, propongono ai consumatori modelli di peso e potenza entro i limiti consentiti.

Ma quali sono, più di preciso, questi limiti? E soprattutto, come affrontare l’acquisto di un’auto adatta a un automobilista ancora poco esperto? Vediamo insieme qualche informazione interessante e un paio di consigli su come effettuare un acquisto ottimale.

Tieni presente la potenza della tua macchina

Secondo quanto stabilito dalla legge, i neopatentati (ovvero tutti coloro che hanno la patente da meno di tre anni) sono tenuti a guidare un mezzo che abbia delle precise caratteristiche in termini di peso e, soprattutto, di potenza.

I limiti, più nel dettaglio, sono al momento i seguenti:

  • 55 kW di potenza per ogni tonnellata
  • Potenza maggiore di 70 kW.

Questo ‘doppio limite’ non è sempre facile da interpretare e, sicuramente, non è la maniera più intuitiva per il consumatore per capire subito se la macchina a cui è interessato rispetta i limiti imposti dalla legge.

Per fortuna, le più importanti case automobilistiche vengono incontro ai loro clienti, presentando i modelli che rispettano questi requisiti direttamente come ‘auto adatte ai neopatentati’, facilitando quindi un acquisto del tutto in linea con le disposizioni di legge in vigore.

Neopatentati e auto usate

Se invece abbiamo intenzione di acquistare un modello usato, la questione si complica leggermente.

Ciò non è dovuto alla reperibilità dei modelli ‘omologati’ ma, piuttosto, alle condizioni qualitative di un mezzo che ha già diverse migliaia di km di attività a suo carico.

La questione è semplice: una volta che ci siamo assicurati di aver compreso i criteri su peso e potenza imposti dalla legge, è il caso di porsi un altro tipo di problema: il mezzo che intendo comprare è quello ideale per un guidatore alle prime armi?

Per chi non ha ancora molta dimestichezza con la guida, infatti, è essenziale poter contare su un mezzo affidabile e dalle prestazioni pressoché perfette, proprio per non incorrere in inutili difficoltà tecniche e in difetti nelle prestazioni del veicolo.

Quando compriamo una macchina usata che verrà guidata da un neopatentato, quindi, può avere certamente senso pensare al risparmio ma non dimentichiamoci mai che la sicurezza deve essere sempre e comunque il primo criterio da osservare.

Un’auto con cui crescere

La scelta di una macchina usata per un neopatentato, a nostro avviso, non è necessariamente la scelta più indicata anche per un altro ordine di ragioni.

Se è vero che comprare una macchina a basso costo potrebbe sembrare sensato per un guidatore ancora poco esperto ed esigente, è anche vero che lo status di neopatentato dura solo tre anni.

Ciò vuol dire che dobbiamo provare a pensare sul medio-lungo termine e comprare un’auto che possa resistere alla prova del tempo e garantire efficienza e prestazioni ottimali per molto più tempo di quello necessario per accumulare esperienza alla guida.

In definitiva, il consiglio è in questo caso quello di acquistare un modello che, sia nel caso del nuovo che dell’usato, non solo rispetti i requisiti di legge, ma che garantisca anche efficienza e sicurezza per molti anni a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *